DARE FUOCO ALL’UOMO DI PAGLIA

L’uomo di paglia ha la coda di paglia.
Poveretto, non è colpa sua, l’hanno disegnato così; hanno prestabilito che lui deve avere quel nome, quel cognome, quell’età, quel debito, quel peccato, quella colpa, quel dovere, quella responsabilità, quell’obbligo.
Ma tu non sei l’uomo di paglia.
Tu non sei l’attore sociale.
Quella recita non ti riguarda.
Tu non sei quella persona.
Tu non sei quel fantoccio.
I suoi attributi non ti riguardano.
Non attribuirti i suoi attributi anagrafici, sociali, culturali, linguistici, giuridici, civici, legali, burocratici.
Hanno inventato una strana lingua per fotterti il cervello.
La loro lingua è il legalese.
Che lingua è? Che senso hanno quelle idiozie legalizzate da perfetti sconosciuti?
E’ una lingua fatta apposta per non farti capire un cazzo, e a quanto pare ha ottenuto ottimi risultati sul genere umano.
Ma se lo capisci davvero, capisci che non c’è nulla da capire.
Dimentica il legalese… non è la tua lingua.
Si tratta della lingua con cui hai apparentemente firmato la tua schiavitù.
Non dare mai il tuo consenso, non annuire, non dire di comprendere la loro lingua, non dargli ascolto. Se ti chiedono di dichiarare qualcosa, tu non dichiarare nulla. Piuttosto fai scena muta, fingiti sordo-muto, oppure inventa qualcosa, fingi come loro, fingi meglio di loro.
Nega qualunque accordo che sembra esserci con quel mondo di fantocci.
Non sei tenuto a dire o a dare niente a nessuno. Mai. In nessuna circostanza.
E se tu non stai al loro gioco, loro sono fottuti. Per sempre.
Visto che hai a che fare con dei pagliacci in giacca e cravatta, e visto che è una fiction sociale, tanto vale fingere per bene, no?
I loro sono soltanto viscidi tentacoli con cui vorrebbero agganciare la tua fragile psiche.
Non farti agganciare psicologicamente.
Si tratta soltanto di uno spauracchio; misera paglia, scartoffie, carta igienica.
Si tratta di un enorme spaventapasseri costruito per terrorizzare e impagliare gli uomini e le donne di paglia.
Per millenni le coscienze addormentate hanno vissuto in un mondo di paglia, e da brave pecorone hanno mangiato paglia, hanno venerato la paglia, si sono sacrificate per un mucchio di inutile paglia, scodinzolando la loro stupida coda di paglia.
Cosa ti ha dato di concreto tutta quella paglia?
Non attribuirti nessuno degli attributi che il mondo, la società, la famiglia, gli amici, i conoscenti ti attribuiscono.
Non fare Fantozzi.
Non fare l’uomo di paglia.
Perché se fai l’uomo di paglia avrai la coda di paglia; sentirai una paura che non ti appartiene, ti verrà attribuita una responsabilità che non hai, una colpa che non è tua; ti verranno messe in bocca parole che non hai pronunciato, intenzioni che non hai avuto; debiti economici, religiosi, karmici, che non hai accumulato.
Se loro vogliono giocare all’uomo di paglia sono liberi di farlo.
Ma tu non sei più tenuto a identificarti con quel nome, quel cognome, quel ruolo sociale, quel ridicolo personaggio, quelle regole.
E se non sei l’uomo di paglia, perché continuare a pensare come lui?
Perché non dargli fuoco?
Se non sai da dove cominciare, inizia con la tua coda di paglia.
Dagli fuoco. Sbarazzati della paura che ti hanno messo addosso.
Tanto alla fine è solo paglia…
Quanto valore può avere un’esistenza fondata sulla paglia?
Quale senso può avere una vita fondata sulla paura?
Comincerai a vivere davvero soltanto quando darai fuoco alla tua fottuta coda di paglia.
( 【Z】【e】【R】【o】 )

Rispondi

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.