SESSANTAMILA PENSIERI nell’arco di 24 ore. Wow! …… 60000 messaggeri interiori al giorno !!!


Leggi il seguito di questo post »

Video Alchimia Trasformativa con Salvatore Brizzi


Leggi il seguito di questo post »

5 principi del Transurfing


Leggi il seguito di questo post »

il Libro della Spensieratezza…

la legge dell’ATTRAZIONE NON È UNA SCELTA, a meno che….


Leggi il seguito di questo post »

TUTTI, in un modo o nell’altro, ABBIAMO IL DISTURBO DI PERSONALITA’ MULTIPLA…..


Riporto un intervento di Elia Tropeano a -> questo post:


“Una volta compreso, capito, ecc. se stessi, mancherà ancora la conoscenza.
Si può comprendere, capire, ecc. tutto su una nostra personalità, ma ignorare del tutto le altre.

Noi esseri umani di personalità ne possiediamo diverse e ognuna è indipendente dall’altra.

Allora, credo sia fondamentale sapere quante personalità possediamo allo stato cosciente e quante ne possediamo allo stato latente.

Possedere più personalità, cosa ovvia e normale, corrisponde ad avere più potenzialità, però soffermarsi su una o due e veramente una limitazione e, a volte, una vera e propria sofferenza.

Figuratevi che una persona può possedere una grave patologia in una personalità (esami clinici disastrosi), ma del tutto sano in un’altra personalità.
Purtroppo la personalità sana emerge transitoriamente, quella malata per la maggior parte del tempo.
Ebbene, le nostre ultime metodologie sono basate sull’inversione di questo processo: far emergere la personalità sana e far recredire quella patologica.

Per passare da una personalità all’altra occorre un attimo, non vi è mai capitato di esservi trasformati in una bestia non appena qualcuno vi ha fatto un gesto sgradevole?

A livello tecnico, ogni personalità possiede un differente stato di coscienza con peculiari parametri chimico clinici, purtroppo fino ad ora, nessuno mai si è messo a classificare gli stasti di coscienze impiegando metodi chimico fisici, si classifica di tutto: piante, animali, rocce, funghi ecc., ma mai le personalità degli esseri umani.”

———

Se ti piace questo sito puoi seguirmi da Facebook o Sottoscriverne i feed Rss

Share

INTERNET-FACEBOOK DIPENDENTI… ? Attenti all’amigdala :)


Share

–> QUI <– ci sono gli altr

.

Il titolo è volutamente provocatorio 🙂  … tanto per sdrammatizzare l’eccessiva attezione (fanatismo) che viene data al mondo virtuale…

Tuttavia, nell’era digitale, non si può negare che internet stia modificando le abitudini di miliardi di persone; inoltre le future tecnologie cambieranno completamente la percezione della realtà…

In riferimento alla percezione della realtà mi voglio collegare al funzionamento del nostro cervello, nello specifico dell’amigdala, al fine di evidenziare gli effetti che le informazioni circostanti possono avere sulle nostre emozioni/pensieri/comportamenti.

Facciamo l’esempio di facebook: sulla nostra bacheca veniamo bombardati ogni giorno da centinaia di stimoli (messaggi, commenti, notifiche, video, immagini, etc…) che attirano inevitabilmente la nostra attenzione. Questi stimoli (se presi singolarmente) sono innoqui, ma nel momento in cui vengono ripetuti all’ennesima potenza (si veda riflesso condizionato di pavlov) si  verificano dei mutamenti a livello psico-neuro-fisiologico che attivano (a nostra insaputa) particolari reazioni chimiche che a loro volta innescano sensazioni, reazioni fisiche, ricordi, emozioni positivi o negativi.

L’amigdala (contenitore delle nostre memorie emotive) si attiverà ogni volta che riceve uno stimolo esterno. Se sovraeccitate l’amigdala con immagini, pensieri, ricordi e informazioni  nocive l’unico effetto che otterrete sarà quello di attivare costantemente emozioni, ricordi, pensieri e comportamenti controproducenti per voi stessi (salute psico-fisica) e per il bene comune (persone a cui volete bene).

In altre parole, se venite sottoposti (o vi sottoponete volontariamente) a determinati stimoli subirete dei cambiamenti che nel breve termine sembrano superficiali e impercettibili, ma che invece nel lungo termine si faranno sentire intensamente senza che voi ve ne accorgiate.

Il discorso è abbastanza banale, ma non per questo va sottovalutato l’impatto che internet ha sulla nostra mente e soprattutto sulla nostra vita !

Vabbè, direte voi, e ora che ho queste informazioni e conosco l’amigdala cosa me ne faccio?

he he :D… tranquilli! voi non dovete fare niente 🙂 … l’importante è che la vostra amigdala le riconosca e reindirizzi le sue memorie emotive verso sentimenti positivi (gioia, amore, gratitudine, meraviglia, compassione) anziché negativi (rabbia, paura, odio, razzismo, pregiudizio…). E’ un lavoro che spetta alla vostra consapevolezza (processo riflessivo della mente)… abbiate pazienza e dategli fiducia… così lei vi ripagherà per la vostra compresione 🙂

… Nel prossimo post (—> QUI) vi suggerirò qualche trucchetto per evadere dal richiamo tecnologico delle sirene virtuali , alleggerire la povera amigdala e semplificare la vostra vita 🙂

——

Volenti o nolenti, la rete del web rappresenterà lo strumento lavorativo per eccellenza. Per lo meno evitiamo che la rete intrappoli definitivamente anche la nostra vita sociale e soprattutto le nostre emozioni individuali….

Ogni tanto staccate la spina dal mondo virtuale  e godetevi la vera vita, fate una passeggiata in mezzo alla natura, una chiaccherata con gli amici, un sonnellino e scordatevi per un (bel) po’ del mondo virtuale 🙂

A questo punto vediamo cosa riporta wikipedia sull’amigdala (http://it.wikipedia.org/wiki/Amigdala) Leggi il seguito di questo post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: