Affermazioni VS AFFORmazioni (ovvero come bypassare l’inconscio con domande propositive, semplici ma incredibilmente efficaci)

CONDIVIDI L’ARTICOLO:

.

 

 

Vedi anche  LISTA AFFORMAZIONI

.

Ogni frase che ho pronunciato deve essere concepita non come un’affermazione ma come una domanda aperta – Niels Bohr

.

DOMANDE DI QUALITA’ PRODUCONO UNA VITA DI QUALITA’

“Chiedi e ti sarà dato, cerca e troverai, bussa e ti sarà aperto” (Matteo 7:7)

.

Secondo Noah St. John  le classiche affermazioni del segreto della legge dell’attrazione (alla Louse Hay, Eft o il Metodo Exotropic Mind di Fabio Marchesi per intenderci) in molti casi non sortiscono l’effetto desiderato poiché la ripetizione per centinaia di volte di semplici dichiarazioni , più che portare all’incremento della propria autostima e al miglioramento personale, porterebbe ad un costante conflitto con i convincimenti che per lunghi anni si sono depositati all’interno della nostra mente attraverso i processi di condizionamento  modellamento socio-culturale.

.

La ragione, spiega Noah, è molto semplice :
la nostra mente inconscia è già profondamente profondamente radicata su valori e credenze imposte da qualche autorità esterna, perciò, quando usiamo la nostra mente conscia per cercare di contraddire questi vecchi valori, la mente inconscia porta l’attenzione su tutti i paradossi contrari alle nostre affermazioni.
Ecco quindi spiegato il motivo per cui le affermazioni positive non sempre funzionano e – se l’affermazione è in diretto contrasto con qualche convinzione di fondo – la mente inconscia semplicemente non lo accetterà, la rigetterà perché ritiene che tale affermazione sia falsa, irraggiungibile, utopica, insensata, incoerente con altri pensieri, eccetera…

.

Allora cosa ha pensato di fare il buon Noah St. John ?!
Tenendo conto che il CERVELLO è un “PROCESSORE” di DOMANDE, e non di affermazioni, ovvero la mente è come un navigatore virtuale in costante ricerca di risposte, ha deciso di inventarsi (vabbè dai, inventarsi è un parolone ;), diciamo diffondere a macchia d’olio) le Afformations.

.

Che cos’è un Afformation ?

 

Innanzitutto non è un’affermazione :)…
Infatti un’affermazione è semplicemente una dichiarazione, una proposizione che può essere vera o falsa;  qualcosa che quindi la mente inconscia può verificare  in base alle proprie credenze e in caso di contrasto, rifiutare tali affermazioni.

.

Un AFFORMATION invece è una semplice domanda… O meglio è un enigma, un quesito senza risposta, un puzzle, un circuito aperto… Ed è proprio questo il  bello di un afformation.

.

Alla mente inconscia piace la chiusura.

Ma poiché  una domanda rappresenta un circuito aperto, la mente inconscia non può rifiutare un afformation.

Essa cerca di rispondere alla domanda espressa dall’afformation, e  nel rispondere a tale questione, si concede la possibilità che tale SUPPOSIZIONE (ovvero l’afformation) sia vera.

.

Solitamente noi cerchiamo di nascondere i problemi… di evitarli, ignorarli o di tenerci alla larga da loro, mentre in realtà,i problemi non sono altro che questioni irrisolte, cioè domande a cui non abbiamo ancora dato una risposta

.

A tal proposito è bene ricordare che  ciascuno di noi utilizza quotidianamente il metodo delle Afformation, visto che tutti ci poniamo delle domande… Il fatto è che tali domande non sono quelle giuste, e quando lo sono , non vengono formulate in maniera adeguata…

.

Ma andiamo per gradi…

.

Facciamo un esempio con queste affermazioni:

.

‘Amo il mio lavoro ‘

‘Sono ricco e ho la massima libertà finanziaria ‘

“Sono felice, pienamente autorealizzato, sereno !!!”

“Sono molto attraente !!”

.

Mentre dite o pensate queste cose, l’inconscio vi rinfaccia frasi del tipo “Sì certo come no… lo sai che detesti il tuo lavoro, sei pieno di debiti, sei obeso… Hai una pessima salute… Non sei ricco e non hai successo…”

.

La mente inconscia è ovviamente in grado di verificare se queste frasi rispecchiano effettivamente la nostra situazione e in caso negativo respingerà tali affermazioni.

.

Ma non tutto è perduto… Infatti Noah St. John ipotizza che tu possa fare in modo di superare questo circolo vizioso di loop inconsci ed autoipnotici fermando a monte gli autosabotaggi creati appunto inconsapevolmente dalla tua mente inconscia…

.

Come dicevo all’inizio di questo articolo, , il cervello è come un dispositivo virtuale che in seguito ad una domanda va automaticamente alla ricerca di alcune risposte…

 .

In tal senso possiamo dire che nella tua mente esiste una funzione che possiamo chiamare “Funzione di Ricerca Automatica” – sì, esattamente come quella del decoder del tuo televisore .

In psicologia si riferiscono a questo processo del cervello umano – quello di andare direttamente/automaticamente alla ricerca di quello che si trova sulla lente d’ingradimento del nostro focus mentale – con l’espressione ” Profezia che si autoadempie, o profezia che si autoavvera” , e tale espressione sta ad indicare quelle premesse psicologiche che stanno alla base di una serie di reazioni comportamentali di un certo individuo

… In altre parole,

.

INVECE DI CREARE DELLE AFFERMAZIONI A CUI NON CREDI, PERCHE’ NON PORRE A TE STESSO DELLE DOMANDE CHE  POSSONO TRASFORMARE LA TUA VITA !?!?

.

Vediamo allora cosa salta fuori se invece delle affermazioni precedenti, applichiamo delle afformations : 

 .

“”Perché sono così speciale ? “

.

“Perché c’è così tanta abbondanza ?”

.

“Wow !!! Che cosa ci posso fare con tutti questi soldi ?”

.

“Come mai mi sento così bene ?”

.

“Perché sono così Felice ?”

.

“Perché ogni giorno sono più ottimista ?”

.

“Perché riesco a far sentire bene le persone con cui mi relaziono ?”

.

“Perché attraggo persone simpatiche e situazioni piacevoli ?”

.

“Perché provo Amore incondizionato verso tutto e tutti ?”

.

“Perché mi sento così euforico ?”

.

“Perché sprizzo gioia da tutti i pori ?”

.

” Perché sono pura Gioia e vivo nell’Armonia ?”

.

“Perché tutto va a gonfie vele ?”

.

“Come mai sono in grado di …?”

.

“Perché mi trovo così a mio agio in questa situazione …?”

.

“Perché ho la possibilità di … ?”

.

“Perché sono così fortunato da incontrare la ragazza giusta per me, così velocemente ?”

.

“Perché stamatina mi sono alzato con il buon umore e il sorriso stampato in faccia ?”

.

“Perché ho voglia di … ? “

.

“Perché mi trovo sempre al posto giusto nel momento giusto ?”

.

“PERCHE’ E’ COSI’ SEMPLICE PER ME ESSERE, FARE O AVERE TUTTO QUELLO CHE VOGLIO ?”

.

etc…


La mente inconscia trovandosi ora in un circuito aperto ProPositivo, inizierà a lavorare per fornire le risposte.

.

 ——

A proposito di ProAttività, apro una parentesi sulla differenza tra Domande Potenzianti (AFFORMATION) e domande DE-potenzianti (che potremmo simpaticamente denominare DE-FORMATION)

 

Senza tanti giri di parole, queste sono delle domande depotenzianti:

“Perché ho così tanta paura ?”   

 

“Perché nessuno mi Ama ?”   

 

“Perché non ho mai abbastanza soldi per…?”  

 

“Come mai sono sempre così solo ?”  

 

“Perché sono un perdente ?”   

 

“Perché tutto mi va storto ?”

etc…

 

 Faccio senza spiegarvi i motivi per cui dovreste evitare questo genere di domande

… e il perché, invece, dovreste formulare Domande più Costruttive 😀

 

——

Ed ora un po’ di Etimologia:

 .

AFFERMAZIONE, dal latino Affirmare, composto da AD, indicante scopo + FIRMARE, render fermo, stabile

[L’Affermazione esprime quindi STATICITA’ -> circuito chiuso]

 .

AF-FORM-ATION , sta ovviamente per un’Azione che da Forma ,  è quindi un sinonimo di Formazione -> Dare una Forma alla propria Vita

[L’Afformazione esprime invece DINAMICITA’, circuito aperto]

.

Provate questo semplice esercizio con altre frasi (anche banali, del tipo “Perché il cielo è blu ?”), per vedere se effettivamente riuscite a DARE UNA NUOVA FORMA ALLA VOSTRA VITA... Se aumentate la fiducia in voi stessi, il benessere, la consapevolezza, etc…

.

Attraverso le Domande Potenzianti (Afformazion), la mente inizierà ad andare in cerca di Nuove Vie (percorsi che in precedenza non avete voluto neppure prendere in considerazione)… troverà automaticamente soluzioni creative che porteranno inevitabilmente a dei risultati concreti

.

Scrivete ad esempio cinque, dieci  venti (quante ne vuoi…) afformations – leggetele ogni giorno (esclusivamente al mattino o alla sera… non al pomeriggio) – ed osservate i risultati ottenuti.

.

Se vi va, una volta che avete preso dimestichezza col metodo (trasformando magari l’elenco delle vecchie affermazioni sottoforma di domandepositive), provate anche a scrivere le risposte alle vostre afformation…

Ad esempio, se la domanda è “Perché mi sento così bene ?”  

Le risposte potrebbero essere:

– Perché mangio in maniera sana

– Perché  mi muovo di più 

– Perché  ogni fine settimana vado al parco…  

– Ho modificato le mie abitudini…

etc…

ciò che accade in questa seconda fase è che voi rafforzate l’efficacia dell’afformation e superate il divario creato dalle vostre convinzioni negative… Contemporaneamente – grazie al processo mentale di “Ricerca Automatica” delle risposte –   mettete in moto delle azioni efficaci , ovvero elencate e mettete in pratica le soluzioni individuate dal vostro stesso cervello

.

La questione non è tanto se scegliere tra le Affermazioni o le Afformazioni, quanto piuttosto nel mettere in pratica o meno la propria conoscenza…

[ Non mi stancherò mai di ripetere che il segreto sta sempre nelle AZIONI che intraprendi  ]

 

.

Ps.

La ragione per cui si consiglia la lettura delle afformations di primo mattino e prima di andare a letto è che questi sono i momenti in cui siamo più vicini allo stato di trance , cioè i momenti in cui possiamo accedere più facilmente alla nostra mente inconscia e attivarne le potenzialità nascoste…

PLASMARLA A NOSTRO PACIMENTO 😉
i periodi più vicini a questi stati di coscienza alterata stanno ovviamente tra la veglia e sonno (appunto mattina, notte… o magari mentre vi rilassate sotto una bella doccia calda 😀)

.

Se il metodo garba, in qualche prossimo post potrei stilare una lista di afformation carine 😀

 

34 precetti sulla Felicità

1. La felicita’ richiede l’accettazione degli altri, la semplicita’ del cuore, lo stupore dello spirito.

2. La felicita’ non e’ un paradiso chiuso, separato dal mondo. E’ al tempo stesso la fonte e l’oceano.

3. Non disperare della felicita’. Non ti aspetta all’altro capo del mondo o in una vita futura. E’ la’ dove tu sei. Aspetta il momento in cui sarai finalmente disposto a invitarla e a riceverla. Rivolgi i tuoi pensieri verso di lei. Ti basta semplicemente superare la paura.

4. Se vuoi essere felice, impara a desiderare nella gioia e nell’innocenza. Non c’ e’ felicita’ senza volonta’ di felicita’.

 Continua a leggere 34 precetti sulla Felicità

SUGGERIMENTI PER RAGGIUNGERE I PROPRI OBIETTIVI E VIVERE SERENAMENTE IL PRESENTE

Share

—-> 17 CONSIGLI PER VIVERE A CUOR LEGGERO

— >   52 PENSIERI PER VOLERSI BENE

.

1) Liberare corpo/mente/spirito dall’energia negativa e nutrirsi di energia positiva

.

a – Vedere le persone con gli occhi dell’AMORE – prendere coscienza dell’interdipendenza esistente tra ogni singolo individuo (Siamo Tutti Uno)

b – Rispettare se stessi e gli altri – Accettare i propri e gli altrui difetti/limiti  — Scorgere negli altri gli aspetti positivi

c – Individuare le convinzioni che bloccano le nostre potenzialità  —  smettere di crearsi aspettative negative

d – Ripulire l’archivio mentale dalle convinzioni negative e limitanti   /  indirizzare il focus della nostra ricerca verso la felicità (soprattutto interiore-spirituale)

e – Avere la consapevolezza che esista ciò che desiderate sapere che esiste sempre un modo per realizzare i propri sogni
Continua a leggere SUGGERIMENTI PER RAGGIUNGERE I PROPRI OBIETTIVI E VIVERE SERENAMENTE IL PRESENTE

CONVINZIONI O SISTEMI DI CREDENZE PER CAMBIARE VITA

Share

–> QUI <– ci sono gli altri artic

.

Introduzional gruppo facebook —> SISTEMI DI CREDENZE PER CAMBIARE VITA – CHANGE BELIEF SYSTEMS & LIFE

.

Viviamo la nostra vita sulla base delle nostre credenze – ovvero sulla base delle convinzioni che precedono i nostri atti e che costituiscono il fondamento di tutto ciò che amiamo, sognamo, desideriamo, diventiamo e conseguiamo.

Continua a leggere CONVINZIONI O SISTEMI DI CREDENZE PER CAMBIARE VITA

più di 500 RIFLESSIONI, PILLOLE DI SAGGEZZA E FRASI MOTIVAZIONALI SUL CAMBIAMENTO, L’EVOLUZIONE E L’APPRENDIMENTO DI NUOVE CONVINZIONI-ABITUDINI VINCENTI

CAMBIAMENTO – EVOLUZIONE

  1. – Il cambiamento in un individuo comporta inevitabilmente anche un cambiamento nella collettività.
  2. Non parlare mai di te senza concederti la possibilitá di cambiare. – Gurdjieff
  3. – “la vita è un flusso che noi cerchiamo di arrestare in forme stabili e determinate … dove la realtà ti disperde e disintegra oppure ti vincola e ti incatena fino a soffocarti.”” ( L.Pirandello )
  4. – “Ciò a cui opponi resistenza persiste. Ciò che accetti può essere cambiato..” (C.Jung)
  5. – “Soltanto cambiando l’istante cambia ciò che è il fluire della vostra vita” (Eros Poeta)
  6. – Per comprendere e vivere l’oggi, è necessario dimenticare tutto ciò che riguarda ieri. Muori continuamente a ogni esperienza recentemente acquisita, mantenendoti in uno stato di consapevolezza di CIO’ CHE E’  (B. Lee)
  7. Le due principali regole che stanno alla base della vita stessa sono: 1) il cambiamento è inevitabile2) tutti cercano di resistere al cambiamento (Deming William Edwards)
  8. – Essere padroni di sé di fronte al cambiamento equivale a trovare il nirvana – Shunryu Suzuki
  9. – Il significato della vita è nel fatto che essa dev’essere “vissuta”, non tramandata e concettualizzata, né irrigidita in un modello di sistema (B. Lee)
  10. – Lo spirito e la mente non potranno mai svilupparsi se permettiamo ad altri di subentrare al posto nostro, giudicare le nostre esperienze e decidere che cosa deve essere giusto o sbagliato… (B. Lee)
  11. – Il cambiamento può essere semplice e rapido…
  12. – “Per cambiare qualcosa, costruisci un modello nuovo che renda la vecchia realtà obsoleta” – Richard Buckminster Fuller
  13. – “Come posso cambiare? Se mi sento depresso canterò. Se mi sento triste riderò. Se provo paura mi butterò nella mischia. Se mi sento inferiore indosserò vestiti nuovi. Se mi sento incerto alzerò la mia voce. Se provo povertà penserò alla ricchezza futura. Se mi sento incompetente penserò ai passati successi. Se mi sento insignificante ricorderò le mie mete. Oggi sarò padrone delle mie emozioni.”  (Og Mandino)
  14. < GALLEGGIAMO IN UN MODO CHE CONSISTE  SOLO ED ESCLUSIVAMENTE NEL CAMBIAMENTO […]  E L’UNICA COSA CHE NOI POSSIAMO FARE  E’ CERCARE DI RESTARE A GALLA IN UN MONDO  PARADOSSALE > (G.Bateson)
  15. – Non c’è niente di costante, tranne il cambiamento… – La Realtà è un processo dinamico in continua ed irreversibile evoluzione caratterizzata da cambiamenti… – Buddha
  16. – “Quando cambiate il vostro modo di guardare le cose….le cose che guardate cambiano…”
  17. – Sei giovane solo tanto quanto l’ultima volta che hai cambiato idee. – T. Leary
  18. – SE VUOI CAMBIARE IL TUO DESTINO CAMBIA IL TUO ATTEGGIAMENTO (Amy Tan)
  19. – Non cercare di cambiare la tua vita, cambia il tuo atteggiamento verso la vita. – Lama Gangchen
  20. – Un uomo non può cambiare il mondo ma piò diffondere un messaggio che cambierà il mondo (D. Icke)
  21. – Se non cambiamo direzione, probabilmente finiremo dove siamo diretti» proverbio cinese
  22. – Ogni cambiamento dei nostri stati mentali è riflesso nel respiro e poi nel corpo. Tale fenomeno funziona anche all’inverso: cambiando gli schemi di respirazione viene allo stesso modo alterato anche lo stato emotivo. ( Deepak Chopra )
  23. – Se c’è qualcosa che desideriamo cambiare nei bambini, dovremmo prima esaminarlo bene e vedere se non è qualcosa che faremmo meglio a cambiare in noi stessi. –  Jung
  24. – Il più grande errore è credere che l’uomo abbia un’unità permanente. Un uomo non è mai uno. Continuamente egli cambia. Raramente rimane identico, anche per una sola mezz’ora. – Gurdjieff
  25. – “Nella vita bisogna avere tre cose:
    1- La “serenità” di accettare le cose che non si possono cambiare
    2-Il “coraggio” di cambiare quelle che si possono cambiare
    3- La “saggezza” di distinguere le due cose”
  26. – L’evoluzione può essere necessaria soltanto a colui che si renda conto della sua situazione e della possibilità di cambiarla, e si renda conto che ha dei poteri che non usa e delle ricchezze che non vede. Ed è nel senso della presa di possesso di questi poteri e di queste ricchezze che l’evoluzione è possibile – Gurdjieff
  27. La maggior parte delle persone si tira indietro di fronte al cambiamento. Non lo ama, perché cambiare significa fare un passo in un terreno inesplorato. (Neale Donald Walsch)
  28. Qualunque cosa sia appena finita… è anche un inizio.  (Neale Donald Walsch
  29. Esiste sempre una via d’uscita, anche nei momenti peggiori.  (Neale Donald Walsch)
  30. Ogni cambiamento è positivo. Non esistono cambiamenti negativi. Tutti i cambiamenti avvengono per il tuo bene. (Neale Donald Walsch)
  31. – immaginiamo il rapporto esistente tra una cellula microscopica e il nostro corpo intero. La presenza o l’assenza di una cellula non cambia niente nella vita del corpo. Noi non possiamo esserne coscienti e questo non può avere influenza sulla vita e le funzioni dell’organismo. Esattamente nello stesso modo un individuo distinto è troppo piccolo per influenzare la vita dell’organismo cosmico, con il quale egli si trova (per quanto riguarda le dimensioni) nello stesso rapporto che una cellula ha con il nostro intero organismo – Gurdjieff
  32. –Dedicato agli anticonformisti, ai ribelli, ai piantagrane,a tutti coloro che vedono le cose in modo diverso:

     

    Costoro non hanno le regole, ne’ i regolamentii e non hanno alcun rispetto per lo status quo. Potete citarli, essere in disaccordo con loro,potete glorificarli  o denigrarli, ma l’unica cosa che non potrete mai fare e’ ignorarli, perche’ riescono a cambiare le cose, perche’ fanno progredire l’umanità. E mentre qualcuno potrebbe definirli folli noi ne vediamo il genio; perche’ solo coloro che sono abbastanza folli da pensare di poter cambiare il mondo LO CAMBIANO DAVVERO

     

  33. – In una società migliore, formata da persone più comprensive, nessuno vorrà cambiarti.  – Osho
  34. – La vita è qualcosa per cui non esiste risposta, che dev’essere compresa di momento in momento: la risposta che potremmo trovare sarebbe inevitabilmente conforme allo schema di ciò che pensiamo di sapere (B. Lee)
  35. – « Non dubitate che un piccolo gruppo di cittadini coscienti e risoluti possa cambiare il mondo… In fondo è cosi che è sempre andata » (Margaret Mead)
  36. – “Il cambiamento è una legge della vita e coloro che si ostinano a guardare sempre solo al passato o si concentrano unicamente sul presente possono essere sicuri di perdersi il futuro” – J.F. Kennedy
  37. Qual’è la forma più flessibile di un parassita?Un’idea… Un’idea ha il potere di costruire una città… di cambiare il mondo e di riscrivere le regole. (Christopher Nolan)
  38. Il mondo non deve essere messo in ordine, il mondo é l’ordine incarnato. Sta a noi trovare la maniera di inserirci armoniosamente in esso. (Henry Miller)
  39. – “non c’è nessun sé da realizzare e non c’è nulla da cambiare o trasformare. Tutti i tentativi messi in atto per liberarci dalla morsa del pensiero non fanno che perpetuare il sé, intrappolandoci sempre di più; tutti gli sforzi che compiamo per migliorarci mediante la rinuncia, il pensiero positivo o negativo, la conoscenza, la meditazione, la ricerca spirituale o religiosa, le riforme sociali, politiche non fanno che rafforzare il sé: l’unica libertà possibile è quella di liberarsi dell’idea stessa di libertà” – Gopala Uppala Krishnamurti
  40. – Dovreste comprendere che ciò che state facendo è totalmente privo di significato. Potete cambiare le tecniche, potete cambiare i maestri, ma di base ed essenzialmente gli insegnamenti che state usando per raggiungere la vostra meta sono essi stessi l’ostacolo; non importa quale sia il maestro che state seguendo. Se voi mettete in discussione gli insegnamenti, sfortunatamente dovete mettere in discussione anche i maestri stessi, – ma a quel punto sorge il dubbio: “Sono io che sto sbagliando qualche cosa, un giorno riuscirò a capire”. Io dico che se non vi è possibile capire oggi, non capirete nulla neanche domani. La vera comprensione è l’assenza della richiesta di comprendere – ora o domani. Gopala Uppala Krishnamurti
  41. – …. tutto dipende da tutto, tutte le cose sono collegate, non vi è niente di separato. Tutti gli avvenimenti seguono dunque il solo cammino che possono prendere. Se le persone potessero cambiare, tutto potrebbe cambiare. Ma esse sono quelle che sono, e di conseguenza le cose, anche esse sono quelle che sono – Gurdjieff
  42. – Quando conosci la verità solo nella tua testa, non cambi. Quando la percepisci anche nel corpo e nello spirito, inizi a cambiare. – Anthony de Mello
  43. – “Soltanto una cosa deve cambiare nella nostra vita affinché possiamo raggiungere la felicità: ciò su cui poniamo la nostra ATTENZIONE.” – Greg Anderson
  44. se Dio ci ha dato gli occhi solo davanti è forse perchè nella vita non dobbiamo guardare mai indietro..!! – Ettore Leone
  45. La vita comincia alla fine della tua zona di tranquillità.
  46. La vita è cambiamento e quando non c’è niente che cambia, non c’è niente che vive. Tutto ciò che vive si muove . Il cambiamento pertanto è inevitabile. È la natura della vita stessa.  (Neale Donald Walsch)
  47. – La gente desidera smettere di soffrire, è vero, ma non è disposta a pagarne il prezzo, a cambiare, a cessare di definirsi in funzione delle sue adorate sofferenze. – A. Jodorowsky
  48. – Il vero cambiamento, la vera rivoluzione avviene abbandonando il noto per l’ignoto… dove non esiste alcuna autorità e dove potreste andare incontro al fallimento completo; sostituire al noto qualcos’altro che conosciamo non è un cambiamento. – J. Krishnamurti
  49. – I nostri pensieri, seppur buoni, sono perle false finchè non si trasformano in azioni. Agisci se speri nel cambiamento! … Sii il cambiamento che vuoi vedere avvenire nel mondo. – Gandhi
  50. Un pianeta migliore è un sogno che inizia a realizzarsi quando ognuno di noi decide di migliorare sé stesso. (Gandhi)
  51. – Le persone vanno e vengono, pertanto conta su di te… e su pochi altri
  52. Onesto è colui che cambia il proprio pensiero per accordarlo alla verità. (Disonesto è colui che cambia la verità per accordarla al proprio pensiero. (Proverbio Arabo)
  53. – “Ci sono sempre due scelte nella vita: accettare le condizioni in cui viviamo o assumersi la responsabilità di cambiarle”Denis Waitley
  54. elenco approsimativo delle cose per cui la gente si preoccupa:
    – cose che non succedono mai = 40%;
    – cose che appartengono al passato e che non si possono cambiare = 30%;
    – preoccupazioni insensate circa la nostra salute = 12%;
    – preoccupazioni varie, insignificanti = 10% – problemi veri, legittimi = 8% in breve ben il 92% delle cose di cui la persona media si preoccupa sono uno spreco di tempo prezioso
  55. – Questo messaggio lo dedichiamo ai folli.
    A tutti coloro che vedono le cose in modo diverso.
    Potete citarli. Essere in disaccordo con loro.
    Potete glorificarli o denigrarli, ma l’unica cosa che non potete fare è ignorarli.
    Perché riescono a cambiare le cose.
    E mentre qualcuno potrebbe definirli folli, noi ne vediamo il genio.
    Perché solo coloro che sono abbastastanza folli da pensare di poter cambiare il mondo, lo cambiano davvero. (Steve Jobs)
  56. – Coloro che non cambiano mai le proprie opinioni si amano più di quanto amano la veritàJoseph Joubert
  57. “Il cambiamento dovrebbe essere un amico. Dovrebbe accadere perché programmato, non a seguito di un incidente”Crosby Philip B.
  58. “Bisogna cambiare tutto per non cambiare niente” Giuseppe Tomasi
  59. Pochi sono grandi abbastanza da poter cambiare il corso della storia. Ma ciascuno di noi può cambiare una piccola parte delle cose, e con la somma di tutte quelle azioni verrà scritta la storia di questa generazione. (Robert Francis Kennedy)
  60. – Ciò che non c’è nella memoria è come se non ci fosse mai stato, perché la memoria è semplicemente una registrazione… e la registrazione può anche essere cambiata (Y. Ueda)
  61. * Perche’ cambiare il mondo quando possiamo cambiare noi stessi?
  62. – Non cambiate voi stessi: amatevi come siete. Non cercate di cambiare gli altri: amate tutti così come sono. Non tentate di cambiare il mondo: esso è nelle mani di Dio e Lui lo conosce. E se così vi comprenderete, tutto cambierà meravigliosamente a suo tempo e a suo modo. Lasciatevi trasportare dalla corrente della vita con un bagaglio leggero – Anthony de Mello
  63. La vita si evolve raggiungendo livelli sempre più alti di complessità. La vita non potrebbe regredire, neanche se volesse. E’ incapace di farlo. Ora, è vero che può sembrare che stia regredendo. E può sembrare anche che i cambiamenti non siano “in meglio”. Ma, di fatto, il cambiamento può essere solo in meglio, altrimenti non avverrebbe. (Neale Donald Walsch)
  64. -“Cambia prima di essere costretto a farlo” – Jack Welck
  65. “Non è la specie più forte a sopravvvivere, e nemmeno quella più intelligente ma la specie che risponde meglio al cambiamento” – Charles Darwin
  66. – “Solo quelli che sono abbastanza folli da pensare di cambiare il mondo, lo cambiano davvero” – A. Einstein
  67. – chi si lamenta è chi vuole evitare di cambiare se stesso, ma pretende che siano gli altri o la Realtà a cambiare – F. Marchesi
  68. – Esistono vari gradi di apprendimento: 1. Acquisire nuove informazioni 2. Acquisire nuovi concetti 3. Imparare a fare qualcosa 4. Imparare ad agire in modo più efficace 5. Cambiare visione della realtà 6. Trasformarsi. Scopri fino a quale grado ti senti a tuo agio nell’apprendere e poi fai un piccolo passo verso il grado più alto.” Alessandro Carli .
  69. – Le circostanze esterne non sono così difficili da cambiare, ma la letargia interiore è vecchia di secoli. L’incoscienza è così primitiva, le sue radici così profonde, che c’è bisogno di una determinazione totale da parte tua, una tremenda determinazione, un impegno, un profondo coinvolgimento. Devi rischiare il tutto per tutto. Altrimenti non ti sarà possibile trasformare te stesso, rimarrai sempre lo stesso. – Osho
  70. “In ogni organismo, uomo compreso, c’è un flusso costante teso alla realizzazione costruttiva delle sue possibilità intrinseche, una tendenza naturale alla crescita.” Carl Rogers
  71. “Chi rifiuta il cambiamento è un vero e proprio architetto della decadenza e del disfacimento. La sola istituzione umana che può rigettare il progresso è il cimitero” – Harold Wilson
  72. “Un uomo che si vanta di non cambiare mai opinione è uno che si impegna a camminare sempre in linea retta, un cretino che crede all’infallibilità.In realtà, non esistono principi, ci sono soltanto avvenimenti; non esistono leggi, ci sono soltanto circostanze: l’uomo superiore sposa gli avvenimenti e le circostanze per guidarli.” – Johann Wolfgang Goethe
  73. – Se tiri troppo la corda di una chitarra la romperai, ma se la lasci troppo allentata non suonerà… Imparare è Cambiare… la strada dell’Illuminazione sta nella via di Mezzo… è la linea che sta tra tutti gli opposti estremi. ( Buddha)
  74. – L’essenza della vita è il libero movimento dello spirito (B. Lee)
  75. – Dal momento che la vita è un processo in continua evoluzione, si deve fluire in questo processo e scoprire come realizzarsi ed espandersi (B. Lee)
  76. Ecco i pazzi.I Disadattati.I contestatori.Quelli sempre al posto sbagliato.Quelli che vedono le cose in modo diverso.Non amano le regole.E non rispoettano lo status quo.Puoi lodarli, disapprovarli, puoi non credere loroPuoi glorificarli o denigrarli.Ma ciò che non potrai fare è ignorarli.Perché loro sono quelli che cambiano le cose…Inventano.Immaginano.Curano.Esplorano.Creano.Ispirano.Mandano avanti l’umanità.Forse devono per forza essere pazzi.Altrimenti come potresti guardare una tela vuota e vederci un opera d’arte?O sedere in silenzio e sentire una musica che non è mai stata composta?E se alcuni vedono la pazzia, noi vediamo il genio.Perché le persone cosi pazzeDa pensare di cambiare il mondoSono quelle che lo cambiano. (Steve Jobs)
  77. Non aver paura della perfezione. Non la raggiungerai mai. (Salvador Dalí)

———

CONVINZIONI / CREDENZE

Non ho dubbi… perchè non ho certezze

——-

..ogni certezza della mente è un giogo per la coscienza.. …porsi delle domande apre le porte tramite le quali la coscienza può Vedere al di là delle illusorie e momentanee certezze che la mente ama fissare…

…le risposte sono rilevanti solo per la mente umana…
..e sono un’arma a doppio taglio perché possono a loro volta rifissare altre certezze che limiteranno la libertà della coscienza..

(Stefano Senni)

le certezze sono semplicemente i vessilli che l’individuo medio mette in mostra per illudersi dell’importanza che la sua autoimmagine riveste sul tessuto socio-politico-religioso-spirituale… (Zewale Rovesta)

.

  1. < L’UOMO E’ CIO’ IN CUI CREDE … L’uomo è l’immagine dei suoi pensieri quindi spesso l’uomo diventa quello che crede di essere.> Buddha
  2. – Posso credere a tutto, purché sia sufficientemente incredibile – O. Wilde
  3. – Le persone credono di essere libere, ma sono solo libere di crederlo. – Jim Morrison
  4. “Niente di grande è stato mai realizzato, se non da coloro che hanno osato credere che qualcosa dentro di loro fosse superiore alle circostanze.” Bruce Barton
  5. Credere è il più forte potere dell’uomo. E.Blumenthal
  6. Quando vedrai la complessità di quello che credevi semplice, allora vedrai anche la semplicità di quello che pensavi complicato. – Jamey Andreas
  7. Se per un attimo riuscissimo a vedere con mente incondizionata quel che ci hanno insegnato a credere, riusciremmo a vedere che non solo non è vero, ma è anche assurdo..
  8. L’errore più grande che si possa fare è credere di essere vivo… quando invece stai dormendo nella sala d’attesa della vita… (Waking Life)
  9. Le credenze sono in sé stesse una barriera; non importa di che tipo siano, vere o false. (Osho)
  10. “Il modo in cui noi categorizziamo qualcosa determina cosa è secondo noi nella nostra neurologia. Come noi incorniciamo così noi diventiamo. Ciò che organizziamo internamente ci in-forma. Siamo organizzati psicologicamente tramite le nostre cornici di credenza, le nostre cornici di valori, le nostre cornici di identità, le cornici di decisione. Le cornici mentali che mettiamo sono i giochi che giochiamo” – Michael Hall
  11. Abbiamo più fede in ciò che imitiamo che nelle nostre creazioni – B. Lee
  12. Vivere per l’amore della vita: Devi realizzare il fatto che tu semplicemente “vivi” e non “vivi per” . (Bruce Lee)
  13. – L’ultima illusione è la convinzione di avere perso ogni illusione. – Maurice Chapelan
  14. – < LA NOSTRA VITA E’ IL RIFLESSO DELLE NOSTRE  CREDENZE,  UN SUCCESSO ILLIMITATO VIENE DA  CREDENZE ILLIMITATE >
  15. – “La suprema felicità della vita è la convinzione di essere amati; amati per quello che siamo, o meglio, malgrado quello che siamo.” Victor Hugo
  16. – Nella ricerca della verità, è necessario che investighiate in modo autonomo, non affidandovi alle opinioni di qualcun altro o a un semplice libro – B. Lee
  17. “Non si ama mai qualcun altro; si ama ciò che c’è di se stessi in lui, o che si crede ci sia” – F. Pessoa
  18. Non la convinzione, non il metodo, ma la percezione è la via della verità. E’ uno stato di consapevolezza naturale, duttile e non critico (B. Lee)
  19. Pensa al passato in termini di ricordo di eventi e risultati piacevoli, proficui e soddisfacenti. Pensa al presente in termini di sfide e opportunità, e di ricompense che otterrai con l’applicazione dei tuoi talenti e delle tue energie. Quanto al futuro, è un tempo e un luogo in cui ogni ambizione meritevole che possiedi sarà alla tua portata. (B. Lee)
  20. – – La convinzione che la felicità è un sentimento che dura poco è sbagliatissimo. La felicità non sono attimi, ma è una condizione eterna (Fabio Volo)
  21. – Le convinzioni (o sistemi di credenze) permettono alla mente di smettere di funzionare. Una mente non funzionante è clinicalmente morta. Credi in nulla. – T. Leary
  22. – # La parola credere è una cosa difficile per me. Io non credo. Devo avere una ragione per certe ipotesi. Anche se conosco una cosa non è detto che debba crederci.  – Jung
  23. A ogni pezzo delle antiche credenze che cade giù come una vecchia e arrugginita armatura, diventi sempre più leggero e più capace di celebrare la tua vita liberamente; proprio in questo momento, stai puntando a un incontro diretto con la verità. Meno bagaglio hai e più facile è che accada. – Osho
  24. – Nessun vincitore crede al caso. Nietzsche
  25. – Credere è una bellissima cosa, ma porre in atto le proprie convinzioni significa dare prova di vigore. Molti sono coloro che alzano la voce come la furia delle onde, ma vivono una vita vuota e stagnante come una fetida palude. Molti sollevano il capo al di sopra delle vette mentre lo spirito giace addormentato nel buio delle caverne – Kahlil Gibran
  26. – Osservate le vostre reazioni a ogni episodio della giornata, osservate le vostre convinzioni. Interrogatevi! Siete disposti a mettere in discussione le vostre convinzioni? Se la risposta è negativa, allora siete pieni di preconcetti e reagite meccanicamente. – A. De Mello
  27. L’illusione suprema dell’uomo è la sua convinzione di poter fare. tutti pensano di poter fare, … , ma nessuno fa niente. Tutto accade. – Gurdjieff
  28. Ti chiedo di non credere a nulla che non puoi verificare in prima persona.” – Gurdjieff
  29. – Non credere a nulla, non importa dove l’hai letta o chi l’ha detto, neppure se l’ho detto io, a meno che non sia affine alla tua ragione e al tuo buon senso. – Buddha
  30. – La Bellezza è l’unica cosa contro cui la forza del tempo sia vana. Le filosofie si disgregano come la sabbia, le credenze si succedono l’una sull’altra, ma ciò che è bello è una gioia per tutte le stagioni, ed un possesso per tutta l’eternità. – O. Wilde
  31. – L’unicità di tutta la vita è una verità che può essere pienamente compresa solo quando viene eliminata per sempre la falsa nozione di un sé individuale, con un destino separato dal Tutto! (B. Lee)
  32. – “Devi scoprire te stesso, quello che vuoi fare, e crederci.” Barbra Streisand
  33. – Sperate nel presente. Ci sono momenti in cui è difficile credere nel futuro, quando non si ha abbastanza coraggio. Quando accade, concentratevi sul presente, coltivate la felicità delle piccole cose finchè non tornerà il coraggio. Aprite il cuore alla bellezza del momento successivo, dell’ora seguente, della promessa di un buon pasto, di un buon sonno, di un libro, di un film, della possibilità che stanotte le stelle risplendano e che domani ci sarà il sole. Affondate le radici nel presente finchè non sentirete in voi la forza di pensare al domani. ARDIS WHITMAN
  34. “Nella provincia della mente, ciò che si crede vero o lo è, oppure lo diventa entro limiti stabiliti per via empirica e sperimentale. Tali limiti sono convinzioni da trascendere… quindi qualunque convinzione non è che un limite che è possibile superare, perché la mente umana non ha limiti.”
    ——>  “Qualunque cosa crediamo essere vera, è vera o lo diventa nella propria mente, entro certi limiti che si possono determinare in modo sperimentale ed esperienziale. Questi limiti, a loro volta, sono credenze che devono essere trascese. I limiti delle proprie credenze determinano i confini della propria possibile esperienza. Dunque ogni volta che raggiungi e riconosci una credenza limitante, devi esaminarla ed andare oltre. Nelle province della mente non ci sono limiti.” (John Lilly)
  35. Sii pronto a capire, ad ascoltare, a mettere in discussione il tuo intero sistema di convinzioni. – A. De Mello
  36. L’uomo è una macchina. tutto ciò che fa, tutte le sue azioni, tutte le sue parole, pensieri, sentimenti, convinzioni, opinioni, abitudini, sono i risultati di influenze e impressioni esterne. – Gurdjieff
  37. Da dove nascono le scoperte? Nascono da delle menti che cercano altre strade, che rompono gli schemi e “spaccano” le cose per vedere come sono fatte dentro.  Se vuoi veramente scoprire cose nuove devi abbandonare i sentieri battuti e avventurarti nell’inesplorato. Devi lasciar perdere tutti i libretti di istruzioni e le indicazioni per usare quello che possiedi in modo originale. Uno scopritore segue si delle regole, ma sono mutevoli, inaspettate e apparentemente senza senso. In musica questo principio si chiama regula absurda, e viene usato dai compositori per imporsi regole “assurde”, al di fuori delle normali concezioni di armonia e melodia in modo da battere nuove strade che altrimenti non sarebbero mai venute in mente. – (M. Paccagnella)
  38. Non date fede ai vecchi manoscritti, non credete una cosa perché il vostro popolo ci crede o perché ve l’hanno fatto credere dalla vostra infanzia.Ad ogni cosa applicate la vostra ragione; quando l’avrete analizzata, se pensate che sia buona per tutti e per ciascuno, allora credetela, vivetela, e aiutate il vostro prossimo a viverla a sua volta. – Buddha
  39. Chi crede solo a quello che vede o che è stato visto dai “molti” blocca la sua evoluzione e si costringe a vivere un futuro limitato a ciò che ha visto o è stato visto nel passato.
  40. – In un gruppo di persone che lavano in team, le credenze limitanti
    di una sola persona fortemente pessimista possono avere
    effetti estremamente limitanti sulle esperienze che vivrà tutto il team.
    E viceversa…
  41. – la speranza è la triste consolazione di chi è incapace di credere.
  42. La Realtà partecipa alla realizzazione di qualunque desiderio di chiunque, purché entri in comunione di intenti con la Realtà, purché sia allineato con le proprie credenze e le credenze di chiunque ne possa venire coinvolto – F. Marchesi
  43. La Realtà è possibilista, è questo che la rende Fantastica, Intrigante, Misteriosa, Bellissima, Entusiasmante, Divina! Ognuno può fare della sua Realtà ciò che sa scegliere, che sa volere, che sa essere e credere. – F. Marchesi
  44. – Chi disse che l’amore è un sogno fu il primo a dire che ai sogni non bisogna mai credere… Jim  Morrison
  45. – L’uomo ha assolutamente bisogno di idee e convinzioni generali che diano significato alla sua vita e che gli permettano di individuare il suo posto nell’universo. – Jung
  46. “Desidero veramente che voi non prendiate le mie parole come vengono abitualmente prese e capite – come se avessero un significato, come se vi trasmettessero delle informazioni. Io non ho nulla da dirvi, ma ho molto da condividere con voi. Lo Zen afferma: considera tutte le parole sublimi e i grandi insegnamenti quali tuoi nemici mortali. Evitali, poiché devi trovare la tua fonte. Non devi essere un seguace, un imitatore. Devi essere un individuo originale; devi trovare da solo la tua essenza più intima, senza guida, senza l’ausilio di testi sacri. È una notte oscura ma, sostenuto dall’intenso fuoco della ricerca, giungerai inevitabilmente all’alba. Chiunque abbia bruciato del fuoco intenso della ricerca, ha visto alla fine sorgere il sole. Gli altri si limitano a credere. Coloro che credono non sono religiosi, semplicemente evitano la grande avventura della religione, limitandosi a credere”. – Osho
  47. – La verità di un’affermazione non ha niente a che vedere con la sua credibilità, e viceversa.
  48. – Le convinzioni, più delle menzogne, sono nemiche pericolose della verità. – Nietzsche
  49. – L’affermazione costante di credere è un indizio di paura. – Krishnamurti
  50. – Non sa niente, e crede di saper tutto. Questo fa chiaramente prevedere una carriera politica. – G. B. Shaw

———–

ABITUDINI

  1. – “Essere infelice è un’abitudine. Essere felice è un’abitudine. La scelta è tua.” Tom Hopkins
  2. Le vostre abitudini mostrano chi siete. (Wayne W. Dyer)
  3. – “La nostra felicità dipende dalle ABITUDINI mentali che coltiviamo. Quindi esercitati nei pensieri felici OGNI GIORNO. Sviluppa l’abitudine della felicità, e la vita diventerà una festa continua.” Norman Vincent Peale
  4. – ogni singolo atto che facciamo per abitudine acquisita è una porta per una qualsiasi volontà esterna alla nostra. – ogni volta che pensiamo di aver capito tutto diventiamo completamente ciechi. – ogni volta che diamo le cose per scontate ci mettiamo completamente in balia degli eventi… occorre rivedere in profondità tutto ciò che si è deciso di essere e di avere, e staccarsene del tutto, per riuscire a proseguire il viaggio. (anonimo)
  5. – ” Semina un pensiero e potrai raccogliere un’azione; semina un’azione e potrai raccogliere un’abitudine; semina un’abitudine e potrai raccogliere una personalità; semina una personalità e potrai raccogliere un destino.”
  6. – Siamo ciò che facciamo ripetutamente, pertanto l’eccellenza non è un’azione, bensì un’abitudine – Aristotele
  7. – L’amore che non si rinnova ogni giorno diventa un’abitudine e si trasforma in schiavitù – (Gibran)
  8. “Cercare di cambiare le abitudini delle persone e il loro modo di pensare è come scrivere nella neve durante una tormenta. Ogni 20 minuti dovete ricominciare tutto da capo. Solo con una ripetizione costante riuscirete a creare il cambiamento” – Donald L. Dewar
  9. “Le buone abitudini, una volta assimilate, sono difficili da cambiare esattamente come le cattive” – Robert Puller
  10. -< E’ STRANA LA VITA, SE TI RIFIUTI DI ACCETTARE  QUALSIASI COSA TRANNE IL MEGLIO, SPESSO LO OTTIENI > (S. Mougham)
  11. Perché non sappiamo pensare?
    Il pensatore pensa per abitudine, ripete, copia; tutto questo genera ignoranza e dolore. Qualsiasi abitudine implica mancanza di sensibilità. La consapevolezza genera ordine, non crea abitudini. Tendenze tenacemente radicate possono generare solo insensibilità. Perché siamo insensibili? Perché non siamo capaci di riflettere? Perché si fa fatica a pensare, si turbano delle abitudini, si incontrano delle resistenze, si può essere spinti ad agire contro modelli ormai istituzionalizzati. Pensare è sentire sul serio, scoprire una consapevolezza senza scelta, può condurre a profondità sconosciute: è la mente, posta di fronte all’ignoto, si ribella. Così si rifugia nel canpo del conosciuto e qui passa da una cosa nota ad un’altra cosa nota, da un’abitudine ad un’altra abitudine, da uno schema di pensiero ad un altro schema di pensiero. La mente che si aggrappa al conosciuto non lo abbandonerà mai per scoprire l’ignoto. Rendendosi conto che si fa fatica a pensare sul serio, il pensatore si rifugia nell’abitudine, nella copiatura di vecchi schemi; ha paura di pensare e quindi crea modelli che giustifichino la sua indolenza. Siccome il pensatore ha paura, anche le sue azioni nascono dalla paura; e quando il pensatore vede che le sue azioni sono scadenti, vorrebbe modificarle. Il pensatore teme le sue stesse creazioni; ma siccome egli non è diverso da queste, in realtà teme se stesso. Il pensatore è paura, è la causa dell’ignoranza e del dolore. Il pensatore può suddividersi in infinite categorie di pensiero, ma il pensiero rimane comunque una cosa sola col pensatore. Gli sforzi che  il pensatore compie per essere o per diventare sono la vera causa del conflitto e della confusione. – J. Krishnamurti

—-

APPRENDIMENTO

  1. – Non si può insegnare nulla. Si può solo aiutare a trovare la saggezza dentro di sé – G.Deckter
  2. – L’esperienza è il tipo più difficile di insegnante: prima ti fa l ‘esame, poi ti spiega la lezione. – O. Wilde
  3. – Il mio insegnamento è semplicissimo, dritto al punto essenziale: vivi momento per momento, muori al passato, non proiettare alcun futuro… godi il silenzio, la gioia, la bellezza di questo momento. – Osho
  4. – Per interiorizzare gli insegnamenti di crescita personale, non basta metterli in pratica, ma bisogna saperli anche insegnare…
  5. – Il fatto che gli uomini non imparino molto dalla storia è la lezione più importante che la storia ci insegna. – Socrate
  6. – Tutti coloro che sono incapaci di imparare si sono messi a insegnare. – O. Wilde
  7. – L’esperienza mi ha insegnato questo: se attendi il momento ideale, nel quale tutto è sicuro e garantito, può darsi che quel momento non arrivi mai. E allora non si scalano montagne, non si vincono le corse e non si raggiunge la felicità. (Maurice Chevalier)
  8. – “Un bambino può sempre insegnare 3 cose ad un adulto: 1) ad essere contento senza motivo 2) ad essere sempre occupato con qualcosa 3) a pretendere con ogni sua forza ciò che desidera” Paulo Coelho
  9. – Insegnando agli altri, imparerai su te stesso – Gurdjieff
  10. – Chi sa fare, fa. Chi non sa fare, insegna.
  11. “Molte persone sono solite prendere la vita, le situazioni, le persone, con eccessiva serietà; esse tendono a prendere tutto in tragico. Per liberarsi dovrebbero coltivare un atteggiamento, più sciolto, più sereno, più impersonale. Si tratta di apprendere a vedere dall’alto la commedia umana, senza troppo parteciparvi emotivamente; di considerare la vita del mondo come una rappresentazione teatrale in cui ognuno recita la propria parte. Questa va recitata nel miglior modo, ma senza identificarsi del tutto col personaggio che si impersona” (Roberto Assagioli)
  12. La vita ci educa: la vita stessa è il nostro maestro, e noi siamo in uno stato di continuo apprendimento (B. Lee)
  13. – “Il mio insegnamento non ha copyright. Siete liberi di riprodurlo, diffonderlo, interpretarlo, fraintenderlo, distorcerlo, alterarlo. Potete farne quel che vi pare; potete anche pretendere di essere voi gli autori, senza bisogno di chiedere né il mio consenso, né il permesso di chiunque altro. ” – Uppala Gopala Krishnamurti

.Muoviti con la mente e pensa con il corpo….

A Primavera bisogna tagliare i “rami secchi”….le cose che tolgono energia ; le cose inutili che fanno parte del mondo finto, anzi che contribuiscono a crearlo.
[Che ogni giorno sia una nuova Primavera…]

Non permettere che altri vivano la tua vita

Se non sai cosa è la notte come fai a sapere cosa è il giorno?

l’ossessivo bisogno di stabilità è un indice del proprio disequilibrio…mentale
[…….quanto poco equilibrio nell’ossessionante ricerca della sicurezza, della fissità delle cose o delle situazioni. Chi non vede l’eterno mutamento è destinato ad una vita in affanno e ad una morte precoce…]

Non potete arrivare al soprannaturale senza passare attraverso la natura

“Un uomo è ricco in proporzione al numero di cose a cui può permettersi di rinunciare”…

C’è gente che pagherebbe per vendersi” Victor Hugo

… cerca di non essere prigioniero della tua tecnica, della tua visione, del tuo credo / idea / impressione, qualunque essa sia…

Spesso ci giustifichiamo cercando nemici laddove non esistono. Il più delle volte la prima causa delle nostre disgrazie siamo noi, con le nostre scelte facili e codarde…

“Ogni tanto rallenta e …aspetta la tua anima e vedrai che quel senso di vuoto sparirà…dove aspettarla? Nei luoghi giusti, quelli che fanno vibrare le corde dell’anima stessa .”

..parlando della Natura..”Viviamo in mezzo a lei, e le siamo stranieri. Essa parla continuamente con noi, e non ci tradisce il suo segreto.Agiamo continuamente su di lei e non abbiamo, su di lei, nessun potere.”  (j.W.Goethe)

..che il tuo corpo non sia solo un sostegno per la testa…o viceversa!!

Alcuni disprezzano talmente tanto da rimanere con il niente…ed è purtroppo con quello che cercano di costruire…

“L’evoluzione consiste nel graduale manifestarsi delle potenzialità latenti”

a volte siamo talmente assuefatti e abituati alle emozioni virtuali che anche le nostre azioni tendono ad essere talmente inconsistenti da passare inutilmente dalla nostra vita

..”buonismo di maniera”, “politicamente corretto”..termini che solo a pronunciarli già corrompono l’anima nobile…..

la cosa paradossale della nostra società è che si ha più paura ad entrare in un bosco che in una stazione della metropolitana…

48 DOMANDE SUL MIGLIORAMENTO PERSONALE, tratte da “Mi merito il meglio” di Lucia Giovannini

LEGGI ANCHE —> 55 DOMANDE SUL MALESSERE PSICOFISICO


Share

  1. * Sei sicuro che quelli che la nostra società propone siano i valori migliori per  te stesso? Quei valori ti rendono veramente felice?* Se a dare un senso alla nostra vita e a renderci felici non sono i beni materiali, non è la carriera, non sono le avventure sentimentali e non sono nemmeno i figli o la salute, che cosa gliene dà?

  2. * Cosa sta dando senso alla tua vita?

  3. * Quanto tempo/energie/risorse stai dedicando all’esplorazione del tuo mondo interiore?

  4. * Qual è il tuo livello di felicità ora?

  5. * Se dovessi misurare il vivere al meglio delle tue potenzialità da 0 a 10, a che livello ti senti (puoi farlo in generale oppure nelle varie aree: casa, lavoro, affetti, salute)? Quanto sei soddisfatto della tua vita? Quanto spazio di miglioramento c’è ancora? Continua a leggere 48 DOMANDE SUL MIGLIORAMENTO PERSONALE, tratte da “Mi merito il meglio” di Lucia Giovannini

RICONOSCI LE TUE VERE CONVINZIONI…?

“Le nostre convinzioni operano su due livelli: conscio ed inconscio. Indovina qual è quello determinante ai fini dei risultati che ottieni nella vita? Nei seminari vengono solitamente persone che desiderano migliorare il loro rendimento sia a livello personale che professionale, eppure quando si cerca di andare a fondo con l’autoanalisi per capire dov’è l’intoppo quello che emerge dai più è un risultato impeccabile molte cose già le sanno, già le fanno, già lo sono, già le pensano, già le hanno, ecc. Il guaio è che ne sono davvero convinti/e. Ma allora perché la loro vita non sta GIA’ funzionando alla perfezione? Semplicemente perché quelle non sono le loro VERE convinzioni ma sono le convinzioni che sono convinti di avere. Consciamente siamo convinti di essere amorevoli, di essere dei leader, di essere sicuri di noi ma inconsciamente le convinzioni lasciano molto a desiderare. Come riconoscere le vere convinzioni da quelle supposte? Ascolta di più ciò che ti dicono gli altri ma soprattutto osserva attentamente i risultati che stai ottenendo nella vita: la vita non mente mai se hai il coraggio di accettarne il verdetto”

Alessandro Carli

—————————-

Share

—-

Se ti piace questo sito puoi  seguirmi da Facebook o Sottoscriverne i feed Rss

E la Borsa e la Vita

Manuale pratico di autostima per avere ciò che vuoi

Prezzo € 20,00

I 5 Principi del Successo Aziendale

Guida alla scoperta dell’anima della tua azienda: come nutrirla, dirigerla e renderla vincente nel mercato di oggi

CAPIRE SE STESSI PER CAPIRE GLI ALTRI, IN 25 REGOLE (1° parte)

— >   52 PENSIERI PER VOLERSI BENE

—->  SETTE SEMPLICI TECNICHE, INTERVENTI RAPIDI ED EFFICACI PER ELIMINARE I PENSIERI NEGATIVI

Prendendo come punto di riferimento la psicologia individuale di Adler e partendo da esempi concreti, lo psicoterapeuta Erik Blumenthal offre una serie di strategie per migliorare la nostra vita quotidiana. Di seguito riporto gli aspetti più pratici e immediati che emergono dal suo libro “Capire se stessi per capire gli altri”.

Per prima cosa introduce i principi della psicologia individuale, per cui ogni essere umano:

è unico

è un essere sociale

è di uguale valore rispetto agli altri

persegue un fine

prende decisioni

è responsabile

è un’unità di corpo, anima e spirito

Dopo questa introduzione vediamo i punti salienti per capire se stessi – e di conseguenza capire gli altri:

1- SCEGLIERE CON MAGGIOR CONSAPEVOLEZZA

– Ogni pensiero, ogni sentimento, ogni desiderio, ogni aspettativa e ogni espressione è il risultato di una decisione, nella maggioranza dei casi presa inconsciamente.

Siamo noi stessi a determinare i nostri sentimenti e umori, anche se lo facciamo inconsapevolmente: Se scegliamo di avere sentimenti che pregiudicano i nostri rapporti con gli altri, significa che abbiamo un interesse personale ben preciso, anche se non ne siamo sempre coscienti….

Continua a leggere CAPIRE SE STESSI PER CAPIRE GLI ALTRI, IN 25 REGOLE (1° parte)