LA PERNACCHIA CHE GUARISCE


Facile e rapido esercizietto per scrollarsi di dosso le sensazioni (spesso inutili o indesiderate) associate a situazioni-persone-oggetti quotidiani.

immagina l’evento o la persona speciale e contemporaneamente emetti una sonora rista, una pernacchia (dei suoni incomprensibili)

Alla presenza di quell’idolo (persona/oggetto significativo) proverai un grande senso di ilarità.

Non ti imbarazzerai, non ti sentirai minacciato da niente e nessuno.

Fai una veloce carrellata mentale di cose a cui hai dato molta importanza (ripensa ad amici, parenti, episodi del passato, traumi, colleghi, etc.) e nel frattempo produci delle stimolazioni insolite nel corpo. La tecnica funziona anche se la risata è forzata. L’importante è indurre una percezione inconsueta tale che sminuisca l’importanza dell’idolo, cioè di tutto ciò che prima ti provocava forti e spiacevoli sensazioni.

spiegazione del metodo:

Quando vediamo, ascoltimao o semplicemente pensiamo a qualcuno il corpo reagisce attivando il centro emotivo e producendo particolari sensazioni. Queste sensazioni dipendono dal significato che abbiamo inconsciamente attribuito agli idoli (l’idolo è – per semplicità – tutto ciò con cui entriamo in contatto). Dal momento che è improduttivo e pressoché impossibile intervenire per via razionale, il miglior stratagemma consiste nell’intervenire a livello cinestesico, cioè sul piano delle sensazioni fisiche. Il bello dell’intervento percettivo è che ottieni istantaneamente dei risultati; risultati che a liv. cognitivo avrebbero richiesto anni di operazioni mentali. Questo evita un noioso lavoro di scavo sulle proprie convinzioni.

In fin dei conti l’obiettivo finale di ogni interazione è sempre il medesimo: esperire la miglior percezione possibile della realtà.

Perché non rimanere costantemente in quella percezione, spontaneamente – senza la necessità di oggetti esterni (stimolanti)?!

Perché servirsi di mezzi macchinosi, lenti, ripetitivi quando hai già a disposizione gli strumenti efficaci per ottimizzare le percezioni del tuo corpo?

Lascio a te la scelta degli strumenti migliori, mi permetto soltanto di ricordarti che esistono sempre dei mezzi più rapidi ed efficaci. Ricercali, testali o semplicemente inventali sul momento.

Se una cosa (una relazione) funziona te ne accorgi subito: ti senti leggero, spensierato… non prendi sul serio niente e nessuno.

Se una cosa (una relazione) non funziona provi l’effetto contrario: tensione, diagio… prendi dannatamente sul serio tutto e tutti.

 

WRONG WAY?



In quale direzione stai orientando il tuo treno interiore? Verso l’espansione o la restrizione?
L’intento è una forza sottilissima e potentissima, una specie di amuleto magico grazie al quale modifichi a tuo piacimento l”ambiente interiore/esteriore.
La realtà è inerte di fronte ad una coscienza lucida: il mondo è costretto a seguire la direzione della tua intenzione più profonda.

 

Andrea Zurlini presenta UNIVERSI PARALLELI DEL SÉ di Frederick Dodson


 

FAI LUCE SUL PIACERE


screen-capture-1
Di solito l’attenzione illumina un campo ristretto della tua esistenza (che riguarda piccoli malesseri/dolori/difficoltà economiche, etc.), così facendo però è come se tu vedessi solo la parola “dolore, dolore dolore…”  .
Se allargassi la tua visione noteresti che intorno/vicino a “dolore, dolore, dolore…” c’è anche “piacere, piacere, piacere…”
Spesso il “piacere, piacere, piacere…” non lo stai vedendo perché il campo dell’attenzione è troppo ristretto.
La soluzione consiste nell’illuminare una zona più ampia del tuo paesaggio esistenziale.
E’ come avere una tavola imbandita davanti ai tuoi occhi e non vedere soltanto le noccioline (come facevi una volta) ma notare anche l’arrosto e tutte le prelibatezze che ci sono dietro.
Si tratta semplicemente di spostare l’attenzione dalle noccioline e guardare le altre pietanze!

L’attenzione è un fascio luminoso (di coscienza) che tu puoi spostare dove vuoi!
Non è una lampadina fissa ma un faro che può illuminare qualunque angolo del tuo universo: puoi fare luce sulla miserie/dolore oppure sul piacere/abbondanza.
A te la scelta!

FOCUS —–> REALTA’


Se ti concentri sul corpo di dolore lo rendi reale.
Se ti concentri sul corpo di beatitudine lo rendi reale.

A te la scelta!

UN CORSO IN MIRACOLI – 50 principi dei miracoli


  1. Non c’è ordine di difficoltà nei miracoli. Uno non è “più difficile” o “più grande” di un altro. Sono tutti uguali. Tutte le espressioni d’amore sono massimali.
  2. I miracoli in quanto tali non hanno importanza. L’unica cosa che importa è la loro Fonte, che è ben al di là di ogni valutazione.
  3. I miracoli avvengono naturalmente come espressioni d’amore. Il vero miracolo è l’amore che li ispira. In questo senso tutto ciò che viene dall’amore è un miracolo.
  4. Tutti i miracoli significano vita, e Dio è Colui Che dà la vita. La Sua Voce ti guiderà in modo molto specifico. Ti verrà detto tutto ciò che hai bisogno di sapere.
  5. I miracoli sono abitudini e dovrebbero essere involontari. Non dovrebbero essere sotto controllo cosciente. I miracoli scelti coscientemente possono essere mal guidati.
  6. I miracoli sono naturali. Quando non avvengono qualcosa non ha funzionato.
  7. I miracoli sono un diritto di tutti, ma prima è necessaria la purificazione.
  8. I miracoli sono guarigione perché suppliscono a una mancanza: vengono compiuti da coloro che temporaneamente hanno di più in favore di coloro che temporaneamente hanno di meno.
  9. I miracoli sono una sorta di scambio. Come tutte le espressioni dell’amore, che sono sempre miracolose nel vero senso della parola, lo scambio inverte le leggi fisiche. Essi portano più amore a colui che dà come a colui che riceve.
  10. L’uso dei miracoli come spettacoli per indurre a credere è un fraintendimento del loro scopo.
  11. La preghiera è lo strumento dei miracoli. È un mezzo di comunicazione del creato con il Creatore. L’amore si riceve con la preghiera e si esprime con i miracoli.
  12. I miracoli sono pensieri. I pensieri possono rappresentare il livello d’esperienza inferiore o corporeo, oppure il livello d’esperienza superiore o spirituale. Uno fa il livello fisico, l’altro crea quello spirituale.
  13. I miracoli sono sia inizio che fine e quindi alterano l’ordine temporale. Sono sempre affermazioni di rinascita, che sembrano tornare indietro, ma in realtà vanno avanti. Disfano il passato nel presente e così liberano il futuro.
  14. I miracoli rendono testimonianza alla verità. Sono convincenti perché scaturiscono dalla convinzione. Senza convinzione degenerano nella magia, che non ha mente e pertanto è distruttiva, o meglio è l’uso non creativo della mente.
  15. Ogni giorno dovrebbe essere dedicato ai miracoli. Lo scopo del tempo è metterti in grado di imparare ad usare il tempo in modo costruttivo. È dunque uno strumento di insegnamento e un mezzo per un fine. Il tempo cesserà quando non sarà più utile per facilitare l’apprendimento.
  16. I miracoli sono strumenti di insegnamento per dimostrare che è tanto benedetto il dare quanto il ricevere. Aumentano la forza di colui che dà e contemporaneamente forniscono forza a colui che riceve.
  17. I miracoli trascendono il corpo. Sono spostamenti improvvisi nell’invisibile, lontano dal livello corporeo. Ecco perché guariscono.
  18. Un miracolo è un servizio. È il massimo servizio che puoi rendere a qualcun altro. È un modo di amare il prossimo tuo come te stesso. Riconosci contemporaneamente il tuo valore e quello del tuo prossimo.
  19. I miracoli rendono le menti una in Dio. Si basano sulla cooperazione perché la Figliolanza è la somma di tutto ciò che Dio ha creato. I miracoli dunque riflettono le leggi dell’eternità, non del tempo.
  20. I miracoli risvegliano la consapevolezza che lo spirito, e non il corpo, è l’altare della verità. Questo è il riconoscimento che conduce al potere guaritore del miracolo.
  21. I miracoli sono segni naturali di perdono. Attraverso i miracoli accetti il perdono di Dio estendendolo agli altri.
  22. I miracoli sono associati alla paura solo poiché si crede che l’oscurità possa nascondere. Tu credi che ciò che i tuoi occhi fisici non possono vedere non esista. Questo porta a negare la vista spirituale.
  23. I miracoli rimettono in ordine la percezione e collocano tutti i livelli nella vera prospettiva. Questa è la guarigione poiché la malattia viene dal confondere i livelli.
  24. I miracoli ti permettono di guarire gli infermi e risuscitare i morti perché sei stato proprio tu a fare la malattia e la morte, e dunque puoi abolirle entrambe. Tu sei un miracolo, capace di creare a somiglianza del tuo Creatore. Qualunque altra cosa è un tuo incubo, e non esiste. Solo le creazioni di luce sono reali.
  25. I miracoli sono parte di una catena interdipendente di perdono, che, una volta completata, è l’Espiazione. L’Espiazione funziona in ogni momento e in tutte le dimensioni del tempo.
  26. I miracoli rappresentano la libertà dalla paura. “Espiare” significa “disfare”. Disfare la paura è parte essenziale del valore di Espiazione dei miracoli.
  27. Un miracolo è una benedizione universale da parte di Dio, attraverso me, per tutti i miei fratelli. 2È il privilegio del perdonato di per- donare.
  28. I miracoli sono un modo per guadagnarsi la liberazione dalla paura. La rivelazione induce uno stato in cui la paura è già stata abolita. I miracoli sono così un mezzo e la rivelazione è un fine.
  29. I miracoli lodano Dio attraverso di te. Lo lodano onorando le Sue creazioni, in quanto ne affermano la perfezione. Guariscono perché negano l’identificazione con il corpo ed affermano l’identificazione con lo spirito.
  30. Riconoscendo lo spirito, i miracoli regolano i livelli di percezione e li fanno vedere nel giusto allineamento. Questo pone lo spirito al centro, dove può comunicare direttamente.
  31. I miracoli dovrebbero ispirare gratitudine, non soggezione. Dovresti ringraziare Dio per ciò che realmente sei. I bambini di Dio sono santi e il miracolo onora la loro santità, che può essere nascosta, ma mai perduta.
  32. Io ispiro tutti i miracoli, che in realtà sono intercessioni. Intercedono per la tua santità e rendono sante le tue percezioni. Mettendoti al di là delle leggi fisiche ti elevano nella sfera dell’ordine celeste. In questo ordine tu sei perfetto.
  33. I miracoli ti onorano perché sei degno di essere amato. Disperdono le illusioni su te stesso e percepiscono la luce in te. Così espiano i tuoi errori liberandoti dai tuoi incubi. Liberando la tua mente dalla prigione delle tue illusioni, ripristinano la tua sanità mentale.
  34. I miracoli ripristinano la mente alla sua pienezza. Espiando la mancanza, stabiliscono la protezione perfetta. La forza dello Spirito non lascia spazio alle intrusioni.
  35. I miracoli sono espressioni d’amore, ma possono non avere sempre effetti osservabili.
  36. I miracoli sono esempi del pensare corretto, poiché allineano le tue percezioni con la verità come Dio l’ha creata.
  37. Un miracolo è una correzione introdotta da me nel falso modo di pensare. Agisce come catalizzatore, poiché smantella la percezione errata e la riorganizza opportunamente. Questo ti sottopone al principio dell’Espiazione, dove la percezione viene guarita. Fino a che ciò non sarà avvenuto, la conoscenza dell’Ordine Divino sarà impossibile.
  38. Lo Spirito Santo è il meccanismo dei miracoli. Riconosce sia le creazioni di Dio che le tue illusioni. Separa il vero dal falso con la Sua capacità di percepire totalmente invece che selettivamente.
  39. Il miracolo dissolve l’errore perché lo Spirito Santo identifica l’errore come falso o irreale. È come dire che, percependo la luce, l’oscurità scompare automaticamente.
  40. Il miracolo riconosce ciascuno come fratello tuo e mio. È un modo di percepire il segno universale di Dio.
  41. L’interezza è il contenuto della percezione dei miracoli. Così essi correggono, o espiano, l’errata percezione di mancanza.
  42. Uno dei principali contributi dei miracoli è la loro forza nel liberarti dal falso senso di isolamento, privazione e mancanza.
  43. I miracoli scaturiscono da uno stato miracoloso della mente, ovvero uno stato in cui si è pronti al miracolo.
  44. Il miracolo è espressione della consapevolezza interiore di Cristo e l’accettazione della Sua Espiazione.
  45. Un miracolo non è mai perduto. Può toccare molte persone che non hai neppure incontrato e produrre cambiamenti inimmaginabili, in situazioni di cui non sei neanche consapevole.
  46. Lo Spirito Santo è il più elevato mezzo di comunicazione. I miracoli non implicano questo tipo di comunicazione, perché sono strumenti di comunicazione temporanei. Quando ritornerai alla tua forma originale di comunicazione con Dio tramite rivelazione diretta, il bisogno dei miracoli sarà superato.
  47. Il miracolo è uno strumento di apprendimento che riduce il bisogno di tempo. Stabilisce un intervallo di tempo fuori dagli schemi, che non è soggetto alle solite leggi del tempo. In questo senso è senza tempo.
  48. Il miracolo è l’unico strumento a tua immediata disposizione per controllare il tempo. Solo la rivelazione lo trascende, non avendo assolutamente niente a che fare con il tempo.
  49. Il miracolo non fa alcuna distinzione fra i gradi di malpercezione. È uno strumento di correzione della percezione, efficace in modo del tutto indipendente sia dal grado che dalla direzione dell’errore. Questa è la sua vera indiscriminatezza.
  50. Il miracolo raffronta ciò che tu hai fatto con la creazione, accettando come vero ciò che è in accordo con essa, e rifiutando come falso ciò che non lo è.

Leggi il seguito di questo post »

SE LA TUA VITA FA SCHIFO… NON LAMENTARTI CON GLI ALTRI PERCHE’ CON BUONA PROBABILITA’ LA COLPA è ESCLUSIVAMENTE TUA !!!


I miei nuovi blog:

1) https://trilogiazero.wordpress.com/

2) https://risvegliodalsognoplanetario.wordpress.com/

 

.

Se è vero che dal punto di vista Sperimentale le IMPLICAZIONI (Risultati di laboratorio) sono (“Probabilisticamente” ) Determinabili dalle FORMULE ovvero dalle  EQUAZIONI utilizzate durante l’esperimento,  possiamo altresì affermare che in modo analogo le Conseguenze Esperienziali o Manifestazioni della Realtà sono SPESSO (“Non Sempre”) il frutto delle Forme Pensiero espresse dall’Osservatore


… Ciò consente di spiegare , senza tanti giri di parole, principi new age come la legge di attrazione


… E’ un discorso banalissimo -> Modificando le Leggi il seguito di questo post »

Affermazioni VS AFFORmazioni (ovvero come bypassare l’inconscio con domande propositive, semplici ma incredibilmente efficaci)


Se ti piace questo sito puoi  seguirmi da Facebook o Sottoscriverne i feed Rss

.

 

Vedi anche  LISTA AFFORMAZIONI

.

Ogni frase che ho pronunciato deve essere concepita non come un’affermazione ma come una domanda aperta – Niels Bohr

.

DOMANDE DI QUALITA’ PRODUCONO UNA VITA DI QUALITA’

.

 “Chiedi e ti sarà dato, cerca e troverai, bussa e ti sarà aperto” (Matteo 7:7)

.

Secondo Noah St. John  le classiche affermazioni del segreto della legge dell’attrazione (alla Louse Hay, Eft o il Metodo Exotropic Mind di Fabio Marchesi per intenderci) in molti casi non sortiscono l’effetto desiderato poiché la ripetizione per centinaia di volte di semplici dichiarazioni , più che portare all’incremento della propria autostima e al miglioramento personale, porterebbe ad un costante conflitto con i convincimenti che per lunghi anni si sono depositati all’interno della nostra mente attraverso i processi di condizionamento  modellamento socio-culturale.

.

La ragione, spiega Noah, è molto semplice :
la nostra mente inconscia è già profondamente profondamente radicata su valori e credenze imposte da qualche autorità esterna, perciò, quando usiamo la nostra mente conscia per cercare di contraddire questi vecchi valori, la mente inconscia porta l’attenzione su tutti i paradossi contrari alle nostre affermazioni.
Ecco quindi spiegato il motivo per cui le affermazioni positive non sempre funzionano e – se l’affermazione è in diretto contrasto con qualche convinzione di fondo – la mente inconscia semplicemente non lo accetterà, la rigetterà perché ritiene che tale affermazione sia falsa, irraggiungibile, utopica, insensata, incoerente con altri pensieri, eccetera…

.

Allora cosa ha pensato di fare il buon Noah St. John ?!
Tenendo conto che il CERVELLO è un “PROCESSORE” di DOMANDE, e non di affermazioni, ovvero la mente è come un navigatore virtuale in costante ricerca di risposte, ha deciso di inventarsi (vabbè dai, inventarsi è un parolone ;), diciamo diffondere a macchia d’olio) le Afformations.

.

Che cos’è un Afformation ?

Leggi il seguito di questo post »

Aforismi Spiritualmente Spiritosi e perciò illuminanti :)


I miei nuovi blog:

1) https://trilogiazero.wordpress.com/

 

2) https://risvegliodalsognoplanetario.wordpress.com/

 

Raccolta di divertentissime frasi De-Motivazionali di Psicologia Inversa e Terapia Provocativa…

.

Se ti piace questo sito puoi  seguirmi da Facebook o Sottoscriverne i feed Rss

:

Le vie del Signore sono infinite. É la segnaletica che lascia a desiderare

.

Conosci te stesso (e non rompere il cazzo a me).
Corrado Guzzanti

.

.

Mi sono illuminato, e tutto quello che ho ottenuto è stata questa schifosa t-shirt!

.

Ale: Il Vero Amore è consegnare tutto ciò che Possiedi all’altro…

Franz: Bella Questa, chi l’ha detta ?

Ale: L’avvocato divorzista di mia moglie …

.

Non è vero che la vita è una stupidaggine dopo l’altra: È sempre la stessa che si ripete

.

Tizio: Namastè, Fratello ! Un abbraccio di luce !!

Caio: Ma quale Namastè, abbraccio di luce e fratello di luce… Mi ha preso per un testimonial dell’enel ?!?

.

Se mi contattano gli alieni per invadere la terra io divento loro alleato perchè mi sono rotto gli zebedei di vedere una massa di dementi brindare e celebrare tutte le cacchiate che gli vengono propinate da ogni orifizio O_O

 

Leggi il seguito di questo post »

LA TECNICA DEL DIALOGO DEI SOGNI…


Leggi il seguito di questo post »

%d blogger hanno fatto clic su Mi Piace per questo: